Visita Daunia rurale | Serracapriola
17891
localita-template-default,single,single-localita,postid-17891,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

Serracapriola

Serracapriola

Sul nome di Serracapriola esiste una leggenda: un conte, intento nella caccia, inseguiva un capriolo che lo condusse in una piccola grotta. All’interno il conte notò un altare raffigurante l’immagine della Madonna. Gli abitanti, allora, costruirono in onore della Vergine una chiesetta, Santa Maria in Silvis, ed accanto ad essa diedero vita al centro abitato, che prese il nome di Serracapriola.

 

DA VEDERE

Chiesa Santa Maria in Silvis

La Chiesa Santa Maria in Silvis venne edificata nel secolo XI. Quasi distrutta dal terremoto del 1627, è stata ricostruita in breve tempo. Dell’antica struttura è oggi visibile soltanto l’antico portale con architrave in pietra. La facciata è a capanna con cupola rettangolare, mentre l’interno è a tre navate. In fondo alla navata centrale si erge l’altare, sotto cui sono custodite le reliquie di San Fortunato.

Castello Maresca

Il Castello Maresca è la costruzione più antica del paese. I benedettini dell’abbazia di Montecassino, nel 1100, vi stabilirono la propria residenza. Fu successivamente feudo di diverse nobili famiglie, tra cui gli Sforza, i Guevara e i Maresca. Il castello, rimaneggiato nei secoli, dispone di quattro torri cilindriche ed una ottagonale. E’ proprio a partire da questa edificazione che il paese mosse il proprio sviluppo urbanistico. Lo stesso imperatore Federico II volle inserirlo nel suo sistema difensivo, che comprendeva anche le grandi fortezze di Termoli e Lucera.

Convento Padre Pio giovane

Chiesa Maria Santissima delle Grazie

Il convento e la chiesa di Santa Maria delle Grazie di Serracapriola, eretti nel 1536, vennero fondati dal cappuccino padre Paolo da Sestino su disegno del gruppo di frati. Il luogo è divenuto famoso nella storia recente per aver ospitato padre Pio da Pietrelcina tra il 1907 e il 1908 durante gli anni del suo noviziato per lo studio della teologia. Annessa al complesso conventuale è la chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Chiesa di San Mercurio

La Chiesa di San Mercurio venne ricostruita nel 1630, dopo il terremoto del 1627. Presenta un’elegante facciata settecentesca a due ordini. L’interno, a tre navate con transetto, conserva un bellissimo altare in legno dorato e alcune importanti tele.

 

APPUNTAMENTI

Settembre

Festa di San Mercurio

Principale patrono di Serracapriola è San Mercurio, soldato e martire che si festeggia nei giorni 4 e 5 settembre, anche se la solennità ufficiale ricorre il 25 novembre. Questo avviene fin dal novembre del 1815, quando i fedeli serrano ottennero da papa Pio VII il permesso di poter anticipare la solennità per non farla ricadere nel periodo piovoso e con le attività della semina del grano.

 

San Fortunato Martire

La Festa del Santo compatrono Fortunato Martire di Cristo si celebra i primi di settembre. San Fortunato subì il martirio intorno al 255 d. C. per la sua convinta fede cristiana.

 

CONTATTI

Comune: www.comune.serracapriola.fg.it
Corso G. Garibaldi, 21 – 71010
tel. 0882.680211

 

Pro Loco Turistica di Serracapriola
Presidente: Mercurio Valentino: 340-6223665

LE AZIENDE DI SERRACAPRIOLA